it.blackmilkmag.com
Nuove ricette

Khe-Yo serve un vero pranzo laotiano

Khe-Yo serve un vero pranzo laotiano


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Il ristorante Tribeca Khe-Yo ora servirà il pranzo tutti i giorni

Bánh mí di aragosta in camicia di burro di Khe-Yo con jalapeño sottaceto e maionese sriracha.

Se ti capita di trovarti a Tribeca verso l'ora di pranzo, diciamo, un martedì, allora, beh, probabilmente avrai una vita fantastica. Se hai desiderato ardentemente un pranzo seduto della varietà esotica, è ancora meglio.

Khe-Yo ha iniziato a servire il pranzo dalle 11:30 alle 14:30. sette giorni alla settimana, sostituendo un bancone Khe-Yosk dove una volta la gente prendeva un bánh mì e dividere o, in una giornata fredda, accoccolarsi al bar.

Il menu laotiano solo per il pranzo include un bánh mí di aragosta in camicia di burro con jalapeño sottaceto e sriracha mayo ($ 19), ali di pollo Bell & Evans con sriracha hoisin e salsa al basilico tailandese ($ 14) e ciotole di mercato come filetto di porgo Blue Moon alla griglia e Creekstone Bistecca della gonna delle fattorie servita su riso, noodles o cuori romani ($ 15).

"Per pranzo in questo quartiere, o vai davvero di fascia alta, o in una catena, o da qualche altra parte per un boccone veloce da asporto", ha detto chef Phet. "Abbiamo ideato questo [menu] solo per poter offrire alle persone le migliori opzioni a un prezzo ragionevole per il pranzo." $ 15 per un Market Bowl potrebbe non essere la scelta più economica del quartiere, ma in termini di prezzo, non è molto lontano da una ciotola di Just Salad, quindi a noi suona "AO-Khe".


Riepilogo della ricetta

  • ¼ tazza di riso bianco a chicco lungo crudo
  • 2 libbre di cosce di pollo disossate e senza pelle, tagliate a pezzi
  • 2 cucchiai di olio di arachidi
  • 4 spicchi d'aglio, tritati
  • 2 cucchiai di galanga tritata
  • 2 peperoncini rossi piccoli, privati ​​dei semi e tritati finemente
  • 4 cipolle verdi, tritate finemente
  • tazza di salsa di pesce
  • 1 cucchiaio di pasta di gamberi
  • 1 cucchiaio di zucchero bianco
  • 3 cucchiai di menta fresca tritata
  • 2 cucchiai di basilico fresco tritato
  • tazza di succo di lime

Preriscaldare un forno a 350 gradi F (175 gradi C). Stendere il riso su una teglia.

Cuocere il riso nel forno preriscaldato fino a doratura, circa 15 minuti. Sfornare e lasciar raffreddare. Una volta raffreddati, ridurli in polvere fine con un macinino per spezie. Nel frattempo, tritare la carne della coscia di pollo in un robot da cucina fino a macinarla finemente e metterla da parte.

Scaldare l'olio di arachidi in un wok o in una padella grande a fuoco medio. Mescolare l'aglio, la galanga, i peperoncini e le cipolle verdi, cuocere e mescolare finché l'aglio non si ammorbidisce, circa 3 minuti. Aggiungere la carne macinata della coscia di pollo e cuocere, mescolando continuamente per rompere i grumi, finché la carne non sarà più rosa, circa 5 minuti. Condire con salsa di pesce, pasta di gamberi e zucchero. Riduci il fuoco a medio-basso e fai sobbollire fino a quando il liquido in eccesso non sarà evaporato, circa 5 minuti in più. Mescolare il riso macinato, la menta, il basilico e il succo di lime per servire.


Khe-Yo serve un vero pranzo laotiano - Ricette

Il cibo in stile laotiano qui è abbastanza. Il menu della cena è piuttosto ampio, ma nei fine settimana serve un menu limitato per il pranzo. Il foid è carino, molte delle ricette sono più orientate alla fusione ma gustose. Non hanno paura di usare le spezie e condiscono per ottenere i giusti sapori. Tutti gli ingredienti e brillantemente preparati. Il personale è gentile e cordiale. Le porzioni sono piccole e i prezzi sono più alti, ma la qualità della cucina e degli ingredienti è eccellente. Hanno birra Lao e caffè vietnamita ma non avevano tè Lao. Non ci sono molti posti che servono cibo laotiano in giro. Vale la pena provare questo posto per qualcosa di diverso. Godere.

Grazie per aver dedicato del tempo a recensire la tua esperienza con Khe-Yo! Speriamo di rivederti e sentirti presto!

59 - 63 di 175 recensioni

Ottimo cibo e servizio. Mio marito è del Laos, quindi è un critico duro. Pensava che il cibo fosse ottimo.

Grazie per l'alto elogio!

Ci siamo andati per una cena veloce e il posto era piuttosto rumoroso. Volevo avere qualcosa nel menu settimanale del ristorante oltre al menu normale, ma mi è stato detto che tutti devono avere il menu settimanale del ristorante se una persona decide di averlo. che idea stupida!! Conosci altri e nessuna regola così stupida. Quindi abbiamo ordinato due voci nel menu (scelte molto limitate tra l'altro). Riso Cocount e gamberi al peperoncino. . Il riso era troppo dolce ma ad essere sinceri i gamberi e il riso appiccicoso erano buoni.

Ho chiesto della salsa e lattuga "bang bang" più famose e si è scoperto che è a pagamento quando altri posti di solito ti danno gratuitamente. Ma non preoccuparti, non lo scoprirai finché non riceverai il conto perché non te lo diranno. Vorrei solo che potessero essere più onesti perché non sono i soldi ma l'integrità che conta..


Dai un'occhiata alle nostre 11 deliziose ricette da togliere il cuore. Trova un grembiule e inizia a cucinare!

1. Masala Bhindi

Un delizioso piatto a base di gombo appena acquistato. Prendete un po' di olio di senape, semi di cumino, semi di finocchio, cipolle tritate finemente, zenzero e un pizzico di amchoor. Ti promettiamo che renderai questa ricetta un appuntamento fisso nel tuo menu settimanale.Il Masala Bhindi è un contorno perfetto per il pranzo che puoi cucinare in un batter d'occhio.

2. Chana Kulcha

Un piatto classico che non passa mai di moda. La quintessenza chana kulcha necessita solo di pochi ingredienti: cumino in polvere, zenzero, coriandolo in polvere, carambola in polvere e un po' di polvere di mango, che è ciò che dà il chana ha un sapore aspro e piccante. Un piatto popolare del Punjab che è amato in tutto il paese.

3. Shahi Uovo Al Curry

Le uova sono un alimento versatile che può essere cucinato per ogni pasto della giornata. Dalla colazione alla cena, può essere un alimento di riferimento. Ecco un curry di uova leggermente speziato fatto con aglio, cipolle, un sacco di kasuri methi, panna fresca, yogurt e coriandolo fresco. Può essere abbinato a chapati semplice, paratha, riso, biryani o pulao a seconda della scelta. Puoi anche servire sottaceti insieme ad esso

4. Gujarati Kadhi

Un punto fermo in quasi tutte le famiglie, Gujarati kadhi è un delizioso curry semplice, leggero e facilissimo da preparare. Un delizioso stile Gujarati kadhi fatto con yogurt, farina di ceci, foglie di curry e zenzero, questo ha sfumature dolci. Questo curry rinfrescante è ottimo per sfuggire al caldo.Un kadhi con una sfumatura agrodolce. questo è facile e veloce. Accompagna il riso a tutto pasto.

5. Allahabad Ki Tehri

Conosciuto anche come vegetale pulao, questo piatto di riso è unico nel ricco stato dell'Uttar Pradesh. È aromatico, fatto con molte verdure luminose, ardente masalas e condita con Desi Ghee. Cuocere per pranzo accompagnato con cagliata.Con un cucchiaio di ghee in cima, questa ricetta di Allahabad Tehri è assolutamente da provare.

6. Pollo Dahi a basso contenuto di grassi

Un curry di pollo magro fatto con pezzi di pollo marinati, curcuma, peperoncino rosso, pasta di aglio, peperoncino verde, pomodori e coriandolo fresco. Una ricetta di pollo perfetta da cucinare per pranzo, abbinata a riso o chapati. Assapora il tuo pollo preferito, senza sensi di colpa! Il tuo piatto di pollo preferito fatto completamente a basso contenuto calorico.

7. Verdure Kolhapuri

Un piatto vegetariano con la sua radice nel Maharashtra, le verdure Kohlapuri sono fatte con una serie di verdure gloriose, pasta di zenzero e aglio, cipolla grattugiata, cannella, chiodi di garofano e molto cocco.Le verdure Kohlapuri sono un eclettico mix di verdure con cocco disidratato ed è tradizionalmente noto per essere piccante.

8. Stufato di channa nera e cocco

Uno stufato leggero che unisce verdure delicate come zucchine, melanzane, zucca a bottiglia e nero channa, è uno che dovresti avere. Soprattutto se stai cercando una soluzione rapida e salutare.


Una miriade di verdure ed erbe si uniscono per creare questo trattamento sano e abbondante.

9. Urlai Arrosto

Oh, questa è una vera delizia! Patate novelle perfettamente bollite cotte in una chettinad pepata masala, cipolle e pomodori.Servi Urlai Roast insieme a riso o appam e non potrai resistere a questo piatto.

10. Paneer Achaari

Non lasciarti intimidire dalla lista degli ingredienti perché non solo sono già nel tuo mobile da cucina, ma anche perché tutto ciò di cui avranno bisogno sono 20 minuti del tuo tempo. Pezzi di ricotta cotti in alcune spezie eccitanti, yogurt e un pizzico di zucchero.
Una delizia per vegetariani, il paneer achaari è ricco di sapori chatpate.

11. Dal Makhani

Un alimento base del Punjabi, Dal Makhani è un piatto indiano per eccellenza con molte varianti che si trovano in diverse regioni del nostro paese e all'estero. Una deliziosa e cremosa ricetta dal carico di burro, che può essere servita con naan o paratha o accompagnata con del riso cotto. Puoi prepararlo per il pranzo o cucinare anche per le cene.


I posti preferiti di Giada per mangiare, bere e giocare nella città che non dorme mai.

New York è una delle migliori città di ristoranti al mondo, con più posti dove mangiare di quanti tu possa mai sperare di provare. Ogni volta che esco per un'apparizione sul Spettacolo di oggi o per le riunioni, mi impegno a provare qualcosa di nuovo – ma è ancora difficile tenere il passo! E io sono una creatura abitudinaria, quindi devo sempre trovare il tempo per visitare anche i miei vecchi preferiti. Si aggiunge a un sacco di ottimi pasti!

Ovviamente faccio altre cose oltre a mangiare. Jade e io adoriamo assistere a uno spettacolo a Broadway (abbiamo visto Matilde lo scorso autunno, e sono riuscito a ottenere i biglietti per vedere Hamilton prima che esplodesse) e anche il nuovo Whitney Museum è nella mia lista di cose da fare. Camminare lungo la Fifth Avenue è un'esperienza newyorkese per antonomasia, ma adoro anche la High Line per un'atmosfera più cool e in centro. Il parco sopraelevato che corre lungo il West Side era una linea ferroviaria abbandonata per decenni fino a quando i residenti locali si sono riuniti per trasformarlo in una bellissima e moderna oasi dalle strade della città.

A Brooklyn, i parchi sul lungomare come il Brooklyn Bridge Park hanno una vista incredibile sullo skyline di Manhattan (c'è anche una splendida giostra degli anni '20 lì che i bambini possono cavalcare tutto l'anno). E adoro curiosare tra i graziosi negozi di strade come Smith Street a Carroll Gardens, che ha una fantastica atmosfera di quartiere che non trovi a Manhattan.

Ecco dove devo fermarmi quando sono in città:

Le Coucou
138 Lafayette St.
Il cibo francese classico è tornato di moda grazie a Le Coucou, ma il mio pasto preferito è la colazione low-key. L'uovo “comme un clafoutis” è l'ultimo aggiornamento del pancake!

Balthazar
80 Primavera S.
È una destinazione per il pranzo di New York per una buona ragione: questo bistrot in stile parigino serve semplici piatti francesi come le bistecche fritte in una stanza che fa sembrare tutti belli.

Morandi
211 Luogo ondeggiante
Adoro questa trattoria per il buon cibo italiano come pasta, polpette e arancini di riso in un'accogliente sala rivestita di mattoni rossi con molti posti a sedere sul marciapiede con il bel tempo.

Via Carota
51 Grove St.
Questo adorabile ristorante del West Village di proprietà di due grandi chef, Rita Sodi e Jody Williams, è aperto tutto il giorno e serve cibo rustico italiano ispirato al mercato degli agricoltori.

Motorino
più posizioni
Per la pizza cotta a legna, alla napoletana, Motorino è la migliore della città, con un impasto saporito e condimenti semplici e impeccabili come fior di latte e mozzarelle di bufala.


corte del tempio
5 Beekman St.
Nello splendido Beekman Hotel, l'ultimo ristorante di Tom Colicchio è un tributo alla New York dell'età dell'oro, con un'ottima insalata di calamari e un gelato di praline fuori dal mondo.

più posizioni
Questo è un posto chic per cibo sano come ciotole di quinoa e succo spremuto a freddo. Solo perché è salutare non significa che non possano servire un ottimo dessert! Amo particolarmente il gelato al cioccolato alla menta.

Khe Yo
157 Duane St.
Uno degli unici posti per la cucina laotiana in città, Khe Yo è noto per il suo riso appiccicoso, l'ottimo pho e le ciotole del mercato, ma per me la vera star sono i deliziosi cavoletti di Bruxelles croccanti.


Polo Bar
1 E. 55a S.
Se ho voglia di un cocktail in un posto chic e accogliente, adoro il Polo Bar. Con le sue comode cabine in pelle, il legno lucido e le opere d'arte equestri alle pareti, è proprio quello che ti aspetteresti da Ralph Lauren.


Caffè 1668
più posizioni
Prendo molto sul serio il mio cappuccino e questo caffè scandinavo serve uno dei migliori della città. E il loro schema di decorazione pesante come le pecore è davvero carino!

Eataly
200 Fifth Avenue.
Per un espresso veloce e arancini intorno a mezzogiorno, adoro Eataly, una destinazione per tutto italiano, con cibi preparati, generi alimentari e articoli per la casa. È così popolare che ne hanno anche aperti alcuni in Italia.

Panetteria Levain
167 W. 74a St.
Questa piccola panetteria francese nell'Upper West Side è facile da perdere, ma credetemi, ne vale la pena per i giganteschi biscotti con scaglie di cioccolato fondente. Se dovessi scegliere il mio ultimo pasto, sarebbero questi biscotti.

Cioccolato Jacques Torres
più posizioni
Se fuori fa freddo, mi troverai da Jacques Torres a sorseggiare una tazza di cioccolata calda davvero piccante dal mago noto come Mr. Chocolate. Colpisce davvero il posto.

Lilia
567 Union Avenue.
Il mio pasto preferito l'ultima volta che sono stato a New York è stato qui – chef Missy Robbins’ La cucina italiana moderna, dalla pasta ai dessert, è assolutamente incredibile.

Potresti pensare che lo shuffle board sia solo per le navi da crociera, ma non sai quanto può essere divertente il gioco finché non lo hai giocato in questo bar alla moda.

Leyenda
221 Smith St.
I proprietari della classica destinazione per cocktail Clover Club possiedono anche questo bar con un focus latinoamericano. È il posto perfetto per sorseggiare alcune tequila interessanti, la mia preferita.

Ample Hills Creamery
più posizioni
Adoro la gamma di sapori interessanti di questa gelateria locale, come Coffee Toffee Coffee e Oh, Fudge, un cioccolato da sogno fatto con latte di cocco e una spruzzata di rum!

Rondine Cafe
156 Atlantic Avenue.
Quando sto curiosando tra i negozi della vicina Smith Street, questo è il posto dove fare un salto per un rapido spuntino di caffeina.


Jaew può riferirsi a qualsiasi tipo di salsa da immersione, di cui il Laos ha un'abbondanza infinita.

Questi piatti contengono sempre peperoncino e di solito qualche tipo di verdura alla griglia, che conferisce loro un distinto sapore affumicato e talvolta pesce fermentato. Gustato con riso appiccicoso o verdure, questo è un alimento caro al cuore della cucina del Laos.

Realizzato con un mortaio e un pestello, è l'azione di battere insieme gli ingredienti che rende il gusto così deliziosamente forte. Pieno dell'ingrediente molto amato dal Laos, il pesce fermentato in vaso di argilla noto come Pa Daek, è umami all'estremo.

Ricevi aggiornamenti esclusivi

Inserisci la tua email e ti invierò il miglior contenuto di cibo da viaggio.

Prima l'aglio e i peperoncini crudi, poi la salsa di pesce e alcune spremute di uno o due lime, questa base può quindi essere trasformata in una dozzina di ricette aggiungendo un ultimo ingrediente vegetale e/o di carne.

Alcuni dei tipi più comuni sarebbero Jaew Ma-Keua, a base di melanzane arrosto, oppure Jaew Moo, carne di maiale e ciccioli di maiale pestati insieme, sorprendentemente simili ai Chicharron Tacos a Città del Messico.


Recensioni dei clienti

Migliori recensioni dagli Stati Uniti

Si è verificato un problema durante il filtraggio delle recensioni in questo momento. Per favore riprova più tardi.

Se dovessi fare un lungo viaggio lento in Laos la prossima settimana, lascerei la guida e prenderei questo libro di cucina.

Gran parte del cibo descritto può essere trovato da Pakse a Phongsali, con forse lievi variazioni al nome o agli ingredienti. Questo non è solo un libro di cucina regionale ma anche un libro di cucina nazionale. Ogni principale tipo di cibo mangiato in Laos si trova in questo libro classificato in modo logico e descritto in infiniti dettagli con ingredienti e nomi in inglese, Lao traslitterato e lo stesso script Loa. La sezione degli ingredienti è sufficiente per far arrossire un botanico.

In una parola direi autentico, non c'è una sola nota. Il cibo laotiano come viene cucinato oggi nelle cucine laotiani in Laos. Ben 200 pagine scritte come se ne volessero 400. Nessuna parola estranea, ogni singola parola, foto, descrizione, ricetta, scelta con cura. Una festa di coming out per il cibo laotiano.

Dorothy Culloty, l'autrice, era in una posizione unica per realizzare questo libro insieme. Passare così tanto tempo in sette anni nel solo Laos non sarebbe stato sufficiente. Dorothy capiva anche la cucina, il cibo, i libri di cucina e la scrittura. Dorothy e suo marito Kees Sprengers hanno trascorso gran parte dei loro sette anni alla Boat Landing Guest house, l'originale lodge per l'ecoturismo del Laos. The Boat Landing con la sua reputazione di servire vero cibo laotiano, le abilità fotografiche di Kees e il talento di scrittura di Dorothy, tutti combinati come gli ingredienti di una buona zuppa per produrre un libro molto più grande delle sue singole parti.

Oltre al cibo del Lao di pianura ci sono anche ricette e descrizioni del cibo delle minoranze Khmu, Lue, Tai Yuan e Lanten. Anche una foto del vecchio Namat Gao com'era prima del trasferimento.

Ci sono fotografie non solo in dettaglio dei cibi e degli ingredienti, ma delle persone che cucinano il cibo e lo mangiano. Persone ovviamente molto vicine a Kees il fotografo.

Fino ad oggi non c'è mai stata una raccolta simile di cibi, ingredienti e cucina del Laos in qualcosa che si avvicinasse a tale completezza, complessità o bellezza.


È il Ramadan: salva la data

Non possiamo discutere del cibo in Ramadan senza parlare del significato del frutto del dattero. Mio padre mi ha fatto conoscere i datteri per la prima volta su un tavolo della cucina pieno di giochi da tavolo e snack siciliani: pistacchi, nocciole, fichi secchi e datteri grandi e paffuti. Scherzava spesso con me dicendomi che quelli erano gli unici tipi di "appuntamenti" che potevo avere in quel momento. Non sapevo allora che questo frutto sarebbe diventato una parte molto significativa della mia vita adulta.

La palma esiste fin dalla preistoria ed è storicamente significativa per molte culture e gruppi religiosi. Le date di questi alberi sono strettamente associate ai musulmani durante il Ramadan, il mese sacro islamico, quando i musulmani digiunano dall'alba al tramonto. Alla fine del giorno di digiuno, è tradizione interrompere il digiuno con una o due date perché quella era la tradizione di Maometto, il profeta a cui i musulmani credono che il Corano sia stato rivelato proprio durante questo mese. Maometto era solito rompere il digiuno con datteri freschi prima di pregare se non c'erano datteri freschi, poi interrompeva il digiuno con datteri secchi, e se non c'erano datteri secchi, beveva qualche sorso d'acqua. Di conseguenza, la tradizione del Ramadan di rompere il digiuno con le date è diventata un Sunnah, o azione del profeta, che i musulmani seguono.

Che tu stia mangiando datteri per tradizione o solo per gusto, sono noti per essere un'ottima fonte di ferro, fibre, vitamine del complesso B e magnesio e hanno ancora più potassio di una banana. I datteri contengono anche zuccheri naturali come fruttosio e glucosio, che ci danno una buona quantità di energia senza il crollo dello zucchero che si verifica con la maggior parte dei cibi malsani e pieni di zucchero. Questo è particolarmente vero dopo una lunga giornata di digiuno, quando il dattero sembra essere l'alimento perfetto per risollevare il corpo, la mente e lo spirito.


Gli ingredienti per una gustosa salsiccia piccante del Laos

Avere amici per aiutare a preparare gli ingredienti renderà il processo ancora più veloce. Il citronella, foglie di kaffir, peperoncini e scalogno vanno tritati finemente. Danno alla salsiccia un aroma incredibile. La salsiccia è perfettamente condita con sale e salsa di ostriche. MSG è facoltativo. È diverso da qualsiasi altra salsiccia!

La cosa migliore di una festa con salsiccia è che ti siedi, mangi le deliziose salsicce e assaggi il tuo duro lavoro.


Storie correlate

Incontra la famiglia laotiana che porta la cucina casalinga a Irving al Sapp Sapp Lao and Thai Kitchen

Primo sguardo: Sabaidee offre al centro di Dallas un assaggio del Laos da asporto

10 piatti internazionali a Dallas di cui probabilmente non hai mai sentito parlare

ESPANDERE

Ci sono buone ragioni per cui il cibo laotiano è rimasto nascosto dai commensali americani per così tanto tempo. Il Laos è un paese relativamente piccolo e ha solo 7 milioni di residenti e i suoi vicini più grandi sono influenze inevitabili nella cucina texana: Vietnam, Thailandia, Cina. Quelle cucine mostrano tutte le loro influenze anche nel cibo del Laos.

La popolazione laotiano-americana nella metropolitana di Dallas sembra piccola: solo 8.000 persone. Ma rispetto alle dimensioni del loro paese d'origine, quella è una grande comunità, l'equivalente di viaggiare in una città in Asia e scoprire che ospita 32.000 texani. Secondo il Pew Research Center, solo Sacramento e Minneapolis hanno più laotiani-americani dell'area di Dallas-Fort Worth. Un sito web chiamato Hmong Studies ha un conteggio ancora più alto, classificando la regione al secondo posto a livello nazionale.

Per molti anni, sarebbe stato difficile scansionare gli elenchi dei ristoranti locali e rilevare la seconda comunità laotiana più grande negli Stati Uniti. Le cause di tale assenza sono radicate sia nella cultura laotiana, dove i pasti seduti sono quasi sempre consumati a casa piuttosto che nei ristoranti, sia nell'ignoranza americana della cucina laotiana. In effetti, molti americani non sanno nemmeno dove sia il Laos. I suoi famosi vicini sono una storia diversa.

"A differenza della Thailandia e del Vietnam, i suoi vicini, il Laos è raramente rappresentato nella cultura popolare americana e presentato nei telegiornali", hanno scritto lo chef laotiano-americano stellato Michelin James Syhabout e lo scrittore gastronomico John Birdsall nel loro libro di cucina del 2018, Tariffa venditore ambulante.

Il Laos è ancora soggetto al regime comunista monopartitico. Gli aerei da guerra americani hanno bombardato il paese in una campagna segreta durante la guerra del Vietnam. Oltre il confine in Thailandia, gran parte della popolazione della regione dell'Isan è etnicamente laotiana e, come nel Laos, l'Isan soffre di un'elevata povertà. In passato, i thailandesi hanno stereotipato i laotiani per la loro relativa mancanza di sviluppo.

ESPANDERE

"Immagino che fosse un grande stigma e se eri laotiano era come se fossi ignorante", dice Anita Dangerfield, proprietaria della bancarella Mai Eats al Dallas Farmers Market. &ldquoLe persone avevano paura di dire di essere laotiani perché vivevano in Thailandia.&rdquo

Ci sono altri blocchi stradali. Il cibo laotiano ha molto in comune con il tailandese e il vietnamita, il che ha senso visti i confini condivisi dei paesi, ma i palati laotiani tendono a preferire sapori più speziati, più aspri, più funky e in altre parole, sapori più spaventosi per le generazioni più anziane di commensali americani.

"Il cibo di Lao è il cugino più funky del cibo tailandese", afferma Cliff Douangdara, uno dei sei cugini dietro la serie pop-up dell'area di Dallas e venditore di carne secca Saap Lao Kitchen. &ldquoUsiamo molta salsa di pesce fermentato che conferisce un livello più profondo di sapidità umami.&rdquo

Quando si sono trasferiti negli Stati Uniti, un paese in cui erano più o meno sconosciuti, gli immigrati laotiani come la madre di Syhabout hanno lavorato nei ristoranti thailandesi per pagare le bollette.

ESPANDERE

"Come un quarto dei ristoranti thailandesi sono di proprietà di chef laotiani", spiega Douangdara. &ldquoPer molto tempo, i proprietari di ristoranti laotiani non sono stati abbastanza sicuri del proprio cibo da servirlo al pubblico americano e hanno mascherato le loro ricette da piatti tailandesi. Negli ultimi tre o quattro anni, gli chef laotiani stanno finalmente uscendo dai loro gusci.&rdquo

È difficile verificare questa statistica di un quarto, ma le prove aneddotiche suggeriscono che Douangdara ha ragione. Ly Food Market, che serve noodles ubriachi superbi e audacemente speziati a Oak Cliff, è di proprietà di una famiglia con radici in Laos. Thai Pakse a Fort Worth prende il nome da una città del Laos. Donny Sirisavath, chef del prossimo ristorante di Dallas Khao Noodle Shop, è cresciuto nelle stanze sul retro di un ristorante tailandese a San Antonio. Suo padre è Thai Isan, sua madre metà laotiana e metà francese. Prima di servire cibo tailandese, cucinavano cinese.

Shadia Abdallah, proprietaria del food truck Get Lao di Fort Worth, aggiunge: "È stata dura crescere per mostrare alla gente che mia madre è del Laos, andiamo in un ristorante laotiano. Molti di loro sono travestiti da ristoranti tailandesi.&rdquo

Quella situazione sta cambiando rapidamente. Cinque nuove iniziative alimentari laotiani hanno debuttato a Dallas-Fort Worth nel 2016 tutte e cinque sono ancora aperte e la tendenza sta accelerando. Quando il Khao Noodle Shop arriverà all'angolo tra Ross Avenue e Bryan Street questo giugno o luglio, segnerà il quarto nuovo spot laotiano della regione in sei mesi. Sarà anche il secondo ristorante con posti a sedere esplicitamente laotiano all'interno dei confini della città di Dallas e il primo aperto solo tre mesi fa.

Anche la madre fondatrice della cucina laotiana nel nord del Texas è seduta immobile. Phennera, che ha dato il via alla rivoluzione con il suo piano cottura improvvisato all'interno del mercato di Nalinh, ha un nuovo grande allestimento professionale presso Sapp Sapp Lao e Thai Kitchen, che ha aperto nel 2017 nel centro di Irving. Fa sembrare il vecchio becco Bunsen, beh, un becco Bunsen.

Nalinh sta ancora andando forte, operando da una cucina che la famiglia è stata costretta a costruire quando gli acquirenti curiosi hanno iniziato a chiedere a Phennera se potevano provare il cibo che stava servendo ai suoi amici.

ESPANDERE

"Siamo stati la prima famiglia del Metroplex a fare cibo laotiano", afferma Xay Senephoumy, figlio di Phennera e proprietario di Sapp Sapp. &ldquoNon stavamo nemmeno pianificando di farlo per vivere. Stava collegando gli amici su un singolo becco Bunsen, e poi doveva andare a un doppio becco Bunsen. E alla fine il becco Bunsen era abbastanza e abbiamo dovuto mettere in una piccola cucina.&rdquo

Al Sapp Sapp, l'accento è posto sulla cucina tradizionale di famiglia Senephoumy è cresciuto mangiando. Anche piatti come una ciotola di pho condita con un'enorme costoletta di manzo da cartone animato sono ricette casalinghe.

"È molto raro che le persone facciano i cibi semplici vecchio stile come quello", dice Senephoumy. &ldquoDa bambini, teniamo il meglio per ultimo. Mangeremmo il pho e rosicchieremmo solo l'osso.&rdquo

I piatti più avventurosi includono kowpiak Xay style, una scodella di zuppa sostanziosa con un saporito brodo color osso e una miscela di pancetta di maiale fritta croccante, cubetti di sangue di maiale solidificato e uova di quaglia intere alla coque. La zuppa è un tripudio di consistenze, le schegge croccanti di grasso della pancia di maiale che si urtano con quadrati di sangue simili al tofu e un tappeto di aglio fritto e cipolle verdi fresche.

C'è anche il sookie yaki, da non confondere con il sukiyaki giapponese-americano. La ricetta di Phennera è una zuppa di pesce con pasta di vetro e polpette. Moke pah è la risposta laotiana al tamale, con pesce e spezie avvolti in una foglia di banana e cotti a vapore finché il tutto non si scioglie praticamente. Altre specialità laotiani completano il menu, tra cui un'insalata di papaya piccante, contorni di riso appiccicoso e salsicce di maiale grasse (ma per niente unte).

Sapp Sapp vende anche cibi tailandesi più familiari, che secondo Senephoumy sono necessari per far prosperare l'attività.

"Dobbiamo mettere il tailandese lì perché per la cultura americana, il tailandese è più facilmente identificabile per loro", dice. &ldquoC'è un motivo per cui mettiamo il Lao al primo posto [nel nome del ristorante], perché siamo Lao, ma senza il tailandese lì dentro sarebbe più difficile ottenere visibilità.&rdquo

Un'altra delle dinastie familiari laotiano-americane della città sta cercando di rendere il Laos riconoscibile ai commensali americani come il suo vicino. Boi Singharaj è il ristoratore dietro Sabaidee Lao e Thai Street Food su Lemmon Avenue a Dallas e il nuovo Sweet Rice a Frisco, suo cugino Tony Singharaj ha aperto Zaap Kitchen su Greenville Avenue a gennaio, e altri membri della famiglia cucinano da Sticky Rice a Murphy.

La priorità assoluta della famiglia è ampliare il pubblico per la cucina laotiana.

"Qui ci sono molti ristoranti laotiani che nessuno conosce tranne gli asiatici", afferma Boi Singharaj. &ldquoNon voglio essere così. Voglio dire ehi, vieni a provare il cibo.&rdquo

Tony Singharaj, seduto a un tavolo nella moderna sala da pranzo illuminata dal sole di Zaap Kitchen, è d'accordo.

&ldquoCrescendo, portavamo gli amici a casa ai compleanni o alle riunioni e dicevamo: "Ehi, prova questo cibo, l'ha fatto mia mamma". E questa è l'unica volta che porti i tuoi amici e loro lo provano. E ora vogliamo andare oltre. Non solo i nostri amici. Vogliamo il pubblico.

&ldquoE' un po' triste che ci sia voluto così tanto tempo prima che la nostra generazione introducesse la nostra cultura.&rdquo

I menu di Sabaidee, Zaap e Sweet Rice riflettono il desiderio dei cugini di raggiungere ben oltre la clientela tradizionale del cibo laotiano. Tutti e tre i ristoranti servono le basi della cucina laotiana per aiutare ad acclimatare i nuovi arrivati.

"Il cibo Lao è un sacco di finger food", dice Boi Singharaj. &ldquoRiso appiccicoso, salsiccia del Laos, la costata corta. Il nostro piatto principale è la costata corta.&rdquo

ESPANDERE

Le costine corte di Sabaidee vengono tagliate a costine e fritte fino a quando i bordi sono croccanti, quindi cosparse con una raffica di aglio fritto dorato. Un successo meno facile con le dita: Zaap's khao poon, una zuppa di noodle di pollo leggermente al curry, tradizionalmente servita in occasione di compleanni e altre occasioni speciali.

Il piatto combinato di Zaap è modellato sul pasto laotiano più comune: carne, insalata di papaya, riso appiccicoso. Questi componenti sono pensati per essere mangiati insieme in un boccone: pizzicare un ciuffo di riso appiccicoso, usarlo per raccogliere un po' di insalata di papaya dolce e piccante, aggiungere un pezzo di pollo o manzo e magari immergere l'intero boccone in un lime piccante salsa.

Tony Singharaj offre ulteriori consigli per coloro che non hanno mai provato l'insalata di papaya:

&ldquoSuggerisco sempre di mangiare in stile tailandese. Quello laotiano ha una pasta di granchio, chela di granchio e avrà un sapore un po' più audace e più forte. Il tuo tailandese sarà un po' più dolce, meno forte. Ma la prossima volta che entrano, ehi, prova quello laotiano. Ad alcune persone piace, ad alcune persone non piace.&rdquo

Sebbene ciascuno dei ristoranti della famiglia sia di proprietà indipendente, hanno menu simili e ricette spesso simili. Zaap è stato concepito come uno spin-off sit-down sul Sabaidee solo da asporto. Tutti sono progettati per portare un nuovo tipo di fan del cibo laotiano.

"Quello che ho nel mio menu, sono tutte le basi", dice Boi Singharaj. &ldquoQualsiasi festa in casa Lao o qualsiasi altra cosa, qualsiasi riunione, [il nostro menu] è il must-have.&rdquo

La serie pop-up Saap Lao Kitchen ha anche l'obiettivo di presentare al grande pubblico una cucina che ancora non conosce molto. (Sapp Sapp, Zaap Kitchen e Saap non sono correlati e hanno proprietari diversi. Prendono i loro nomi dalla parola laotiana per &ldquodelicious.&rdquo)

Saap iniziò con un buon proposito per il nuovo anno in occasione di un evento familiare, quando i cugini Cliff ed Elson Douangdara Frick, Loan e Frank Chanthorn e Sandy Sichanh accettarono di mettersi in affari insieme.

&ldquoNel Natale del 2015, tutti noi ci siamo seduti a parlare di come non ci sia molto cibo laotiano rappresentato nell'area di DFW. Ci sono negozi a conduzione familiare, ma non molti posti che invitano le persone a provare il cibo per la prima volta. Pensavamo di poter essere quel medium", afferma Cliff Douangdara.

Frick Chanthorn aveva esperienza di cucina al The Blind Butcher, ma il resto della famiglia era nuovo al servizio di ristorazione professionale.

"Mio fratello e tutti i cugini sono cresciuti nelle cucine di nostra madre imparando le ricette da loro", afferma Cliff Douangdara. &ldquoMia madre non aveva figlie, quindi la maggior parte del cibo che preparavano in cucina ce l'hanno passato. La maggior parte di noi sono cuochi casalinghi autodidatti. Abbiamo imparato queste ricette dalle nostre mamme e dalle nostre nonne.&rdquo

ESPANDERE

Saap gestisce eventi pop-up a Dallas, Fort Worth e nei loro sobborghi, di solito in birrifici come Texas Ale Project, Community e Martin House. Ma la sua attività principale è qualcosa che la famiglia non si aspettava: carne secca. La linea jerky, che include carni piccanti regolari, "appena giusta" e "troppo piccante per la mamma del Laos", ha un tale successo che creare un nuovo lotto da zero ogni settimana è diventato l'obiettivo principale di Saap.

Anche negli eventi pop-up, la carne secca gioca un ruolo da protagonista. Quando Saap ha aperto un negozio al festival di Capodanno laotiano di Irving all'inizio di maggio, la famiglia ha offerto campioni gratuiti di carne essiccata mentre un grillmaster ha imbastito le ali di pollo e le salsicce grasse del Laos sul carbone. Assaggia i risultati e sarà chiaro perché la carne secca è un successo. La giusta versione piccante ha un primo assaggio di una glassa dolce e appiccicosa che potrebbe essere applicata alle costine di maiale alla brace. L'olio di sesamo diffonde il suo sapore nell'angolo come una persona timida in una foto di gruppo. Poi, all'improvviso, il caldo arriva come un fulmine, i peperoncini pugnalano e indugiano a lungo dopo che la carne è stata masticata e sparita.

Sul retro della borsa c'è un messaggio stampato a mano: &ldquoCon ogni acquisto, sostieni la missione della nostra famiglia di condividere il cibo e la cultura laotiana.&rdquo

Another popular pop-up business is Get Lao&rsquod, a Fort Worth food truck that serves marinated brisket barbecue chicken wings with a spicy lime dipping sauce and nam khao, a dazzling dish that involves frying crispy balls of rice, topping them with cured pork and herbs, and serving the whole thing as a lettuce wrap.

Get Lao&rsquod owner Shadia Abdallah, a half-Laotian, half-Palestinian Fort Worth native, was told as a child that Americans would never like Lao food.

&ldquoGrowing up, our family&rsquos just trying to hide it,&rdquo she recalls. &ldquo&lsquoNo no, no, no, keep it in the house.&rsquo No! This is amazing food. We should be sharing it.&rdquo

Get Lao&rsquod travels from brewery to brewery, acting as a mobile classroom on how to eat Laotian style. The first two commandments: Eat with your hands, and mix it up with each bite.

&ldquoGrowing up in a Lao family, you know to grab a piece of the sticky rice, grab some papaya salad, put some meat on top of it and have it all in one bite,&rdquo Abdallah explains. &ldquoThat&rsquos the explosion of flavor. That&rsquos what I try to teach at my food truck because I notice a lot of people don&rsquot try to dig in. It&rsquos finger food.&rdquo

&ldquoWith the sticky rice, use your hands. Don&rsquot be afraid. Sticky rice is our tortilla. It&rsquos going to hold everything together. We use sticky rice to hold our meat and our dipping sauces.&rdquo

The success of Get Lao&rsquod &mdash which just won Fort Worth magazine&rsquos editor&rsquos choice award for best food truck &mdash has surprised Abdallah, but it&rsquos surprised her skeptics even more.

&ldquoThe older Lao community are like, hey, you know, American people are not going to like this stuff,&rdquo she says. &ldquoBut probably half the stuff we like today, we wouldn&rsquot have liked 20 years ago. I think everyone&rsquos a lot more open-minded, so it&rsquos the perfect time to just bring it.&rdquo

Dallas&rsquo newest Lao pop-up opened in March when Anita Dangerfield, with help from her husband, Marcus, launched Mai Eats at the Dallas Farmers Market. At Mai, which operates on weekends only, the focus is on one core dish: spring rolls.

&ldquoGrowing up, my parents were always cooking Lao food, and I think one of the fondest memories of my childhood was making spring rolls with my father,&rdquo Dangerfield says. &ldquoHe made them for his coworkers.

&ldquoMai Eats is named after my sister,&rdquo she continues. &ldquoGrowing up, she was always the perfectionist when it came to rolling the perfect rolls. She kind of taught me the secrets, so I named it in her honor. It&rsquos a family recipe. Everybody has their own version, and this is ours. They&rsquore hand-rolled, and we make them weekly.&rdquo

At the booth, between servings of spring rolls, dessert tea and fresh-squeezed juices, Dangerfield acts as an informal Laotian ambassador.

&ldquoI get it all the time,&rdquo she says. &ldquo'Oh, where are you from?' I&rsquom from Laos. 'Where&rsquos that?' We&rsquore just not known. I think now [Laotians are] just like OK, this is our food, not to take away from Thai, but a lot of entrepreneurs are trying to promote our culture and cuisine and share it with the world.&rdquo

So far, the results are positive. After just six weeks at the farmers market, Dangerfield had to double her spring roll production to meet demand. She plans to add more menu items, too, based on her strengths as a home cook. One possibility: tapioca dumplings, available nowhere else in Dallas and traditionally served only at holidays. The wrapper is made with tapioca flour, and the stuffing includes ground pork, sweet onions and peanuts.

The next Laotian restaurant to open in Dallas will represent a major change from its predecessors. Khao Noodle Shop, planning a summer debut on Ross Avenue just east of Greenville Avenue, will be chef-driven, the region&rsquos first kitchen to put truly modern spins on tradition.

Donny Sirisavath, Khao&rsquos chef, tested his recipes with one of America&rsquos most famous Laotian restaurateurs, Seng Luangrath, owner of trendy Thip Khao in Washington, D.C., and de facto leader of the national Lao food movement. Khao Noodle Shop plans to make all of its noodles in house.

&ldquoMy take on it is not the home cook traditional mom-and-pop recipe, even though a lot of recipes are my mom&rsquos,&rdquo Sirisavath says. &ldquoI&rsquom a chef at heart, and it&rsquos my interpretation of my cuisine, of Mom&rsquos recipe. I wouldn&rsquot say it&rsquos a fusion, it&rsquos just my interpretation.

&ldquoOur food is going to be more if you were in Thailand, if you were in Laos. Nothing&rsquos held back. The spiciness, the funkiness, that&rsquos what we want to showcase in our food. We want to transport customers back to Laos or Thailand, as if they&rsquore eating along the streets, enjoying the food, hearing the music as the cars go by.&rdquo

Although recipes like Lao tacos with tortillas made from rice flour don&rsquot adhere to tradition, Khao Noodle Shop respects the past in a way that some diners won&rsquot recognize: its location. East Dallas is the area where many of the first Laotian, Cambodian and Vietnamese immigrants lived when they arrived in Texas.

&ldquoThere&rsquos a reason . we&rsquore not out in the suburbs,&rdquo co-owner Tex Sirisawat says. &ldquoOur families, when they immigrated here, all their first apartments were all in that area. So that&rsquos where we hang out. That&rsquos our hood.&rdquo

ESPANDERE

The young entrepreneurs behind Dallas&rsquo Lao food boom don&rsquot seem to understand the national importance of their labors. Dallas and Fort Worth have become, without question, the best cities in America in which to sample Laotian cuisine. Like Irving and Arlington, Sacramento has a lot of mom-and-pop kitchens, many attached to markets or groceries. San Francisco, New York, Washington and Raleigh offer high-end interpretations at restaurants such as Syhabout&rsquos Hawker Fare or Luangrath&rsquos Thip Khao, which have brought the idea of a Lao food movement national recognition.

But those cities have nothing on the scale and youth of Dallas&rsquo movement. Almost every chef in this story is young, and all intend to conquer the city one food truck, farmers market stall or brewery pop-up at a time. North Texas has at least 12 explicitly Laotian restaurants and at least three more Lao businesses that operate as pop-ups. Half of those kitchens, including the forthcoming Khao Noodle Shop, debuted in the last 18 months.

That rapid expansion doesn&rsquot faze the restaurateurs who are driving it. In fact, it seems to energize them.

&ldquoHopefully there will be more Lao restaurants out there,&rdquo Boi Singharaj says. &ldquoAnd not just from our family.&rdquo

As Cliff Douangdara explains it, &ldquoObviously they&rsquore competitors, right? But I don&rsquot see it that way because there&rsquos kind of a network effect. Because if you get the word out, it grows the pie.&rdquo

In other words, as Laotian culture becomes essential to this region&rsquos identity, more non-Asian diners will fall in love with it and there will be more customers for everybody. These entrepreneurs are doing their best to make sure nam khao, moke pah, tapioca dumplings and garlic-dusted pork ribs become nationwide sensations.

The chefs feel determined to make that happen.

&ldquoAt the very core of it, we just wanted to share our family recipes and elevate Laotian food within the broader American culinary context,&rdquo Douangdara says. &ldquoWe wanted to have as many people experience our family&rsquos food as possible.&rdquo

For Abdallah, that motivation is bolstered by a feeling that, hidden behind America&rsquos Thai restaurants, Laotian traditions were becoming endangered.

&ldquoI just had a huge passion for cooking Lao food,&rdquo she says. &ldquoI just saw it slowly dying, and I thought, we can&rsquot let this die out. I think that&rsquos how all the younger generation feel. We can&rsquot let this die. We have to keep it going.&rdquo

Mantieni libero il Dallas Observer. Da quando abbiamo iniziato il Osservatore di Dallas, è stata definita la voce libera e indipendente di Dallas, e vorremmo mantenerla tale. Offrendo ai nostri lettori l'accesso gratuito a una copertura incisiva di notizie, cibo e cultura locali. Producendo storie su tutto, dagli scandali politici alle nuove band più in voga, con reportage coraggiosi, scrittura elegante e membri dello staff che hanno vinto di tutto, dal premio Sigma Delta Chi della Society of Professional Journalists per la scrittura di opere alla Casey Medal for Meritorious Journalism. Ma con l'esistenza del giornalismo locale sotto assedio e le battute d'arresto delle entrate pubblicitarie che hanno un impatto maggiore, è importante ora più che mai per noi raccogliere il sostegno dietro il finanziamento del nostro giornalismo locale. Puoi aiutare partecipando al nostro programma di abbonamento "I Support", che ci consente di continuare a coprire Dallas senza paywall.


Guarda il video: Eating Lao Food and Lao Cuisine for lunch at Tamarind Restaurant in Luang Prabang, Laos


Commenti:

  1. Onille

    Vorrei parlare con te, ho qualcosa da dire su questo tema.

  2. Perekin

    Qualcosa del genere non appare

  3. Sang

    Mi dispiace di non poter partecipare alla discussione ora. Pochissime informazioni. Ma il soggetto mi interessa molto.

  4. Goltigar

    Ecco quelli su!



Scrivi un messaggio