Nuove ricette

McDonald's ha bisogno di ricominciare a cucinare le sue patatine nel grasso di manzo

McDonald's ha bisogno di ricominciare a cucinare le sue patatine nel grasso di manzo


Se hai avuto l'opportunità di provare le patatine fritte di McDonald's prima del 1990, considera te stesso fortunato. Fino a quell'anno, la catena friggeva le sue patatine in una miscela di olio di semi di cotone e grasso di manzo, ei risultati erano spettacolari: croccanti all'esterno, morbidi all'interno e infusi con un sapore ricco di umami e leggermente muscoloso. Erano capolavori, considerati da molti lassù con le migliori patatine fritte della terra.

Ma a causa dei timori sui pericoli dei grassi saturi, in quell'anno l'azienda riformulò le sue patatine e sostituì il grasso di manzo con olio vegetale, e oggi le sue patatine contengono quasi 20 ingredienti diversi, compreso l'olio di soia idrogenato (che contiene ancora grassi saturi) e sostanze chimiche dal suono delizioso con nomi come pirofosfato acido di sodio, dimetilpolisilossano e butilidrochinone terziario. Contiene anche qualcosa chiamato "sapore naturale di manzo", che viene sintetizzato con aminoacidi, zuccheri e acido citrico. Sebbene il "sapore di manzo" sia vegetariano, un ingrediente in esso è il latte idrolizzato, il che significa che le patatine fritte non sono vegane.

Mentre un tempo i grassi saturi erano ampiamente ritenuti una delle principali cause di malattie cardiache (soprattutto negli anni '80 e '90), oggi è accettato nelle comunità mediche e scientifiche che è molto più complicato di così; nessuna prova sperimentale ha mai collegato direttamente i grassi saturi alle malattie cardiache, e ci sono diversi tipi di grassi saturi, ognuno dei quali colpisce il corpo in modo diverso. Gli hamburger sono anche ricchi di grassi saturi, quindi se stai ordinando un hamburger e patatine fritte, probabilmente non sei troppo preoccupato di consumare un po' di grasso di manzo in più, comunque. E per quanto riguarda i vegetariani? Se vuoi davvero patatine fritte che non sono cotte nel grasso di manzo, puoi trovarle in qualsiasi altro ristorante - e comunque perché un vegetariano dovrebbe mangiare da McDonald's?

Nientemeno che il famoso pensatore Malcolm Gladwell ha recentemente affrontato proprio questo problema, nell'ultima edizione del suo popolare podcast, Storia revisionista. È un must da ascoltare: descrive come un magnate del muro a secco di nome Phil Sokolof ha speso milioni di dollari in una crociata contro i grassi saturi e sostanzialmente da solo ha convinto McDonald's a eliminare il grasso di manzo; e come una nebbia creata dalla nuova formula ha iniziato a rendere tutto appiccicoso nei ristoranti.

Negli anni '90, l'era che insisteva per portarci Snackwells e tutto a basso contenuto di grassi (anche se ciò significava sostituire il grasso con sostanze chimiche impronunciabili), probabilmente aveva senso per McDonald's sostituire il grasso di manzo con olio vegetale. Ma ora sappiamo meglio, e anche McDonald's dovrebbe.


La verità è che nessun millennial ha provato le patatine fritte originali di McDonald's

Sapevi che McDonald's ha cambiato la sua ricetta originale di patatine fritte nel 1990? Malcolm Gladwell di Storia revisionista scopre la storia dietro le patatine fritte di McDonald's, cosa ha reso le patatine originali così deliziose e perché il conglomerato di hamburger è stato costretto a cambiare la sua amata ricetta. Dall'inizio della sua storia negli anni '40, McDonald's ha fritto i suoi pezzi di patate nel sego di manzo. Per anni, il grasso di frittura era conosciuto come "Formula 47", ed è ciò che ha dato alle patatine di McDonald's il caratteristico esterno croccante, l'interno soffice e il sapore ricco e imbattibile. Ray Kroc, l'uomo d'affari responsabile dell'espansione di McDonald's in un megafranchising, ha parlato poeticamente di queste patatine fritte nel suo libro Macinandolo e ha affermato che la realizzazione delle patatine fritte di McDonald's era "sacrosanta" - in altre parole, il processo eccezionale e il risultato perfetto non dovrebbero essere toccati.

Tuttavia, un americano di nome Phil Sokolof ha speso circa 14 milioni di dollari in una campagna contro i cibi saturi, come le patatine fritte di McDonald's. Sopravvissuto a un attacco di cuore, ha fatto della missione della sua vita influenzare le principali aziende alimentari per rimuovere i grassi saturi dai cibi popolari. Ha pagato grandi cartelloni pubblicitari da Times Square a spot pubblicitari del Super Bowl, minacciando le aziende con annunci più posizionati in alto a meno che non rimuovessero rapidamente i grassi saturi dagli alimenti. Gli sforzi di Sokolof hanno raggiunto milioni e alla fine ha preso di mira McDonald's.

A causa della pressione pubblica, McDonald's alla fine ha rispettato nel 1990 e ha iniziato a friggere le sue patate per la prima volta in olio vegetale (un mix di colza, mais e soia). McDonald's (o il resto del mondo) non conosceva gli spiacevoli effetti collaterali che ne sarebbero derivati. Prima di tutto, il gusto e la consistenza ne hanno risentito. Malcolm Gladwell non è l'unico americano che ricorda di aver provato le nuove patatine e di aver subito provato delusione e (oso aggiungere) dolore per il fatto che non avrebbe mai più potuto godersi le "Famose patatine fritte del mondo". Il calore delle friggitrici mescolato all'olio sprigiona una nebbia che ricopre l'intero ristorante (ecco perché le sedie e i tavoli di McDonald's sono sempre appiccicosi), inoltre è noto che le tute indossate dai friggitori, se impilate l'una sull'altra, brucia spontaneamente! E non siamo nemmeno entrati nei problemi di salute: consiglio di ascoltare l'episodio completo per ulteriori informazioni sulle aldeidi.

Curioso di vedere come i millennial di oggi avrebbero risposto alle vecchie patatine rispetto a quelle nuove, Malcolm è andato a un Mattson Food Lab, dove ha fatto ricreare ad alcuni dei migliori scienziati americani del cibo entrambi i lotti di patatine per una degustazione alla cieca. I risultati sono stati unanimi. Tutti, compresi gli scienziati di Mattson, Malcolm e i millennial, adoravano le patatine al sego di manzo OG. McDonald's, per favore, riportami queste patatine sublimi!

Anche se non accadrà in questa vita, puoi provare a creare una versione simile a casa. Gli scienziati di Mattson hanno fritto fiammiferi di patate color ruggine sbucciate nel sego di manzo riscaldato a 350 ° a 360 ° F per circa tre minuti. Ne consegue il paradiso delle patatine fritte.


La verità è che nessun millennial ha provato le patatine fritte originali di McDonald's

Sapevi che McDonald's ha cambiato la sua ricetta originale di patatine fritte nel 1990? Malcolm Gladwell di Storia revisionista scopre la storia dietro le patatine fritte di McDonald's, cosa ha reso le patatine originali così deliziose e perché il conglomerato di hamburger è stato costretto a cambiare la sua amata ricetta. Dall'inizio della sua storia negli anni '40, McDonald's ha fritto i suoi pezzi di patate nel sego di manzo. Per anni, il grasso di frittura era conosciuto come "Formula 47", ed è ciò che ha dato alle patatine di McDonald's il caratteristico esterno croccante, l'interno soffice e il sapore ricco e imbattibile. Ray Kroc, l'uomo d'affari responsabile dell'espansione di McDonald's in un megafranchising, ha parlato poeticamente di queste patatine fritte nel suo libro Macinandolo e ha affermato che la realizzazione delle patatine fritte di McDonald's era "sacrosanta" - in altre parole, il processo eccezionale e il risultato perfetto non dovrebbero essere toccati.

Tuttavia, un americano di nome Phil Sokolof ha speso circa 14 milioni di dollari in una campagna contro i cibi saturi, come le patatine fritte di McDonald's. Sopravvissuto a un attacco di cuore, ha fatto della missione della sua vita influenzare le principali aziende alimentari per rimuovere i grassi saturi dai cibi popolari. Ha pagato grandi cartelloni pubblicitari a Times Square per gli spot pubblicitari del Super Bowl, minacciando le aziende con annunci più posizionati in alto a meno che non rimuovessero rapidamente i grassi saturi dagli alimenti. Gli sforzi di Sokolof hanno raggiunto milioni e alla fine ha preso di mira McDonald's.

A causa della pressione pubblica, McDonald's alla fine ha rispettato nel 1990 e ha iniziato a friggere le sue patate per la prima volta in olio vegetale (un mix di colza, mais e soia). McDonald's (o il resto del mondo) non conosceva gli spiacevoli effetti collaterali che ne sarebbero derivati. Prima di tutto, il gusto e la consistenza ne hanno risentito. Malcolm Gladwell non è l'unico americano che ricorda di aver provato le nuove patatine e di aver subito provato delusione e (oserei aggiungere) dolore per il fatto che non avrebbe mai più potuto godersi le "World's Famous Fries". Il calore delle friggitrici mescolato all'olio sprigiona una nebbia che ricopre l'intero ristorante (ecco perché le sedie e i tavoli di McDonald's sono sempre appiccicosi), inoltre le tute indossate dai friggitori, se impilate l'una sull'altra, sono note per brucia spontaneamente! E non siamo nemmeno entrati nei problemi di salute: consiglio di ascoltare l'episodio completo per ulteriori informazioni sulle aldeidi.

Curioso di vedere come i millennial di oggi avrebbero risposto alle vecchie patatine rispetto a quelle nuove, Malcolm è andato a un Mattson Food Lab, dove ha fatto ricreare ad alcuni dei migliori scienziati americani del cibo entrambi i lotti di patatine per una degustazione alla cieca. I risultati sono stati unanimi. Tutti, compresi gli scienziati di Mattson, Malcolm e i millennial, adoravano le patatine al sego di manzo OG. McDonald's, per favore, riportami queste patatine sublimi!

Anche se non accadrà in questa vita, puoi provare a creare una versione simile a casa. Gli scienziati di Mattson hanno fritto fiammiferi di patate color ruggine sbucciate nel sego di manzo riscaldato a 350 ° a 360 ° F per circa tre minuti. Ne consegue il paradiso delle patatine fritte.


La verità è che nessun millennial ha provato le patatine fritte originali di McDonald's

Sapevi che McDonald's ha cambiato la sua ricetta originale di patatine fritte nel 1990? Malcolm Gladwell di Storia revisionista scopre la storia dietro le patatine fritte di McDonald's, cosa ha reso le patatine originali così deliziose e perché il conglomerato di hamburger è stato costretto a cambiare la sua amata ricetta. Dall'inizio della sua storia negli anni '40, McDonald's friggeva i suoi pezzi di patate nel sego di manzo. Per anni, il grasso di frittura era conosciuto come "Formula 47", ed è ciò che ha dato alle patatine di McDonald's il caratteristico esterno croccante, l'interno soffice e il sapore ricco e imbattibile. Ray Kroc, l'uomo d'affari responsabile dell'espansione di McDonald's in un megafranchising, ha parlato poeticamente di queste patatine fritte nel suo libro Macinandolo e ha affermato che la realizzazione delle patatine fritte di McDonald's era "sacrosanta" - in altre parole, il processo eccezionale e il risultato perfetto non dovrebbero essere toccati.

Tuttavia, un americano di nome Phil Sokolof ha speso circa 14 milioni di dollari in una campagna contro i cibi saturi, come le patatine fritte di McDonald's. Sopravvissuto a un attacco di cuore, ha fatto della missione della sua vita influenzare le principali aziende alimentari per rimuovere i grassi saturi dai cibi popolari. Ha pagato grandi cartelloni pubblicitari a Times Square per gli spot pubblicitari del Super Bowl, minacciando le aziende con annunci più posizionati in alto a meno che non rimuovessero rapidamente i grassi saturi dagli alimenti. Gli sforzi di Sokolof hanno raggiunto milioni e alla fine ha preso di mira McDonald's.

A causa della pressione pubblica, McDonald's alla fine ha rispettato nel 1990 e ha iniziato a friggere le sue patate per la prima volta in olio vegetale (un mix di colza, mais e soia). McDonald's (o il resto del mondo) non conosceva gli spiacevoli effetti collaterali che ne sarebbero derivati. Prima di tutto, il gusto e la consistenza ne hanno risentito. Malcolm Gladwell non è l'unico americano che ricorda di aver provato le nuove patatine e di aver subito provato delusione e (oserei aggiungere) dolore per il fatto che non avrebbe mai più potuto godersi le "World's Famous Fries". Il calore delle friggitrici mescolato all'olio sprigiona una nebbia che ricopre l'intero ristorante (ecco perché le sedie e i tavoli di McDonald's sono sempre appiccicosi), inoltre le tute indossate dai friggitori, se impilate l'una sull'altra, sono note per brucia spontaneamente! E non siamo nemmeno entrati nei problemi di salute: consiglio di ascoltare l'episodio completo per ulteriori informazioni sulle aldeidi.

Curioso di vedere come i millennial di oggi avrebbero risposto alle vecchie patatine rispetto a quelle nuove, Malcolm è andato a un Mattson Food Lab, dove ha fatto ricreare ad alcuni dei migliori scienziati americani del cibo entrambi i lotti di patatine per una degustazione alla cieca. I risultati sono stati unanimi. Tutti, compresi gli scienziati di Mattson, Malcolm e i millennial, adoravano le patatine al sego di manzo OG. McDonald's, per favore, riportami queste patatine sublimi!

Anche se non accadrà in questa vita, puoi provare a creare una versione simile a casa. Gli scienziati di Mattson hanno fritto fiammiferi di patate color ruggine sbucciate nel sego di manzo riscaldato a 350 ° a 360 ° F per circa tre minuti. Ne consegue il paradiso delle patatine fritte.


La verità è che nessun millennial ha provato le patatine fritte originali di McDonald's

Sapevi che McDonald's ha cambiato la sua ricetta originale di patatine fritte nel 1990? Malcolm Gladwell di Storia revisionista scopre la storia dietro le patatine fritte di McDonald's, cosa ha reso le patatine originali così deliziose e perché il conglomerato di hamburger è stato costretto a cambiare la sua amata ricetta. Dall'inizio della sua storia negli anni '40, McDonald's ha fritto i suoi pezzi di patate nel sego di manzo. Per anni, il grasso di frittura era conosciuto come "Formula 47", ed è ciò che ha dato alle patatine di McDonald's il caratteristico esterno croccante, l'interno soffice e il sapore ricco e imbattibile. Ray Kroc, l'uomo d'affari responsabile dell'espansione di McDonald's in un megafranchising, ha parlato poeticamente di queste patatine fritte nel suo libro Macinandolo e ha affermato che la realizzazione delle patatine fritte di McDonald's era "sacrosanta" - in altre parole, il processo eccezionale e il risultato perfetto non dovrebbero essere toccati.

Tuttavia, un americano di nome Phil Sokolof ha speso circa 14 milioni di dollari in una campagna contro i cibi saturi, come le patatine fritte di McDonald's. Sopravvissuto a un attacco di cuore, ha fatto della missione della sua vita influenzare le principali aziende alimentari per rimuovere i grassi saturi dai cibi popolari. Ha pagato grandi cartelloni pubblicitari a Times Square per gli spot pubblicitari del Super Bowl, minacciando le aziende con annunci più posizionati in alto a meno che non rimuovessero rapidamente i grassi saturi dagli alimenti. Gli sforzi di Sokolof hanno raggiunto milioni e alla fine ha preso di mira McDonald's.

A causa della pressione pubblica, McDonald's alla fine ha rispettato nel 1990 e ha iniziato a friggere le sue patate per la prima volta in olio vegetale (un mix di colza, mais e soia). McDonald's (o il resto del mondo) non conosceva gli spiacevoli effetti collaterali che ne sarebbero derivati. Prima di tutto, il gusto e la consistenza ne hanno risentito. Malcolm Gladwell non è l'unico americano che ricorda di aver provato le nuove patatine e di aver subito provato delusione e (oserei aggiungere) dolore per il fatto che non avrebbe mai più potuto godersi le "World's Famous Fries". Il calore delle friggitrici mescolato all'olio sprigiona una nebbia che ricopre l'intero ristorante (ecco perché le sedie e i tavoli di McDonald's sono sempre appiccicosi), inoltre è noto che le tute indossate dai friggitori, se impilate l'una sull'altra, brucia spontaneamente! E non siamo nemmeno entrati nei problemi di salute: consiglio di ascoltare l'episodio completo per ulteriori informazioni sulle aldeidi.

Curioso di vedere come i millennial di oggi avrebbero risposto alle vecchie patatine rispetto a quelle nuove, Malcolm è andato a un Mattson Food Lab, dove ha fatto ricreare ad alcuni dei migliori scienziati americani del cibo entrambi i lotti di patatine per una degustazione alla cieca. I risultati sono stati unanimi. Tutti, compresi gli scienziati di Mattson, Malcolm e i millennial, adoravano le patatine al sego di manzo OG. McDonald's, per favore, riportami queste patatine sublimi!

Anche se non accadrà in questa vita, puoi provare a creare una versione simile a casa. Gli scienziati di Mattson hanno fritto fiammiferi di patate color ruggine sbucciate nel sego di manzo riscaldato a 350 ° a 360 ° F per circa tre minuti. Ne consegue il paradiso delle patatine fritte.


La verità è che nessun millennial ha provato le patatine fritte originali di McDonald's

Sapevi che McDonald's ha cambiato la sua ricetta originale di patatine fritte nel 1990? Malcolm Gladwell di Storia revisionista scopre la storia dietro le patatine fritte di McDonald's, cosa ha reso le patatine originali così deliziose e perché il conglomerato di hamburger è stato costretto a cambiare la sua amata ricetta. Dall'inizio della sua storia negli anni '40, McDonald's ha fritto i suoi pezzi di patate nel sego di manzo. Per anni, il grasso di frittura era conosciuto come "Formula 47", ed è ciò che ha dato alle patatine di McDonald's il caratteristico esterno croccante, l'interno soffice e il sapore ricco e imbattibile. Ray Kroc, l'uomo d'affari responsabile dell'espansione di McDonald's in un megafranchising, ha parlato poeticamente di queste patatine fritte nel suo libro Macinandolo e ha affermato che la realizzazione delle patatine fritte di McDonald's era "sacrosanta" - in altre parole, il processo eccezionale e il risultato perfetto non dovrebbero essere toccati.

Tuttavia, un americano di nome Phil Sokolof ha speso circa 14 milioni di dollari in una campagna contro i cibi saturi, come le patatine fritte di McDonald's. Sopravvissuto a un attacco di cuore, ha fatto della missione della sua vita influenzare le principali aziende alimentari per rimuovere i grassi saturi dai cibi popolari. Ha pagato grandi cartelloni pubblicitari da Times Square a spot pubblicitari del Super Bowl, minacciando le aziende con annunci più posizionati in alto a meno che non rimuovessero rapidamente i grassi saturi dagli alimenti. Gli sforzi di Sokolof hanno raggiunto milioni e alla fine ha preso di mira McDonald's.

A causa della pressione pubblica, McDonald's alla fine ha rispettato nel 1990 e ha iniziato a friggere le sue patate per la prima volta in olio vegetale (un mix di colza, mais e soia). McDonald's (o il resto del mondo) non conosceva gli spiacevoli effetti collaterali che ne sarebbero derivati. Prima di tutto, il gusto e la consistenza ne hanno risentito. Malcolm Gladwell non è l'unico americano che ricorda di aver provato le nuove patatine e di aver subito provato delusione e (oso aggiungere) dolore per il fatto che non avrebbe mai più potuto godersi le "Famose patatine fritte del mondo". Il calore delle friggitrici mescolato all'olio sprigiona una nebbia che ricopre l'intero ristorante (ecco perché le sedie e i tavoli di McDonald's sono sempre appiccicosi), inoltre le tute indossate dai friggitori, se impilate l'una sull'altra, sono note per brucia spontaneamente! E non siamo nemmeno entrati nei problemi di salute: consiglio di ascoltare l'episodio completo per ulteriori informazioni sulle aldeidi.

Curioso di vedere come i millennial di oggi avrebbero risposto alle vecchie patatine rispetto a quelle nuove, Malcolm è andato a un Mattson Food Lab, dove ha fatto ricreare ad alcuni dei migliori scienziati americani del cibo entrambi i lotti di patatine per una degustazione alla cieca. I risultati sono stati unanimi. Tutti, compresi gli scienziati di Mattson, Malcolm e i millennial, adoravano le patatine al sego di manzo OG. McDonald's, per favore, riportami queste patatine sublimi!

Anche se non accadrà in questa vita, puoi provare a creare una versione simile a casa. Gli scienziati di Mattson hanno fritto fiammiferi di patate color ruggine sbucciate in sego di manzo riscaldato a 350 ° a 360 ° F per circa tre minuti. Ne consegue il paradiso delle patatine fritte.


La verità è che nessun millennial ha provato le patatine fritte originali di McDonald's

Sapevi che McDonald's ha cambiato la sua ricetta originale di patatine fritte nel 1990? Malcolm Gladwell di Storia revisionista scopre la storia dietro le patatine fritte di McDonald's, cosa ha reso le patatine originali così deliziose e perché il conglomerato di hamburger è stato costretto a cambiare la sua amata ricetta. Dall'inizio della sua storia negli anni '40, McDonald's friggeva i suoi pezzi di patate nel sego di manzo. Per anni, il grasso di frittura era conosciuto come "Formula 47", ed è ciò che ha dato alle patatine di McDonald's il caratteristico esterno croccante, l'interno soffice e il sapore ricco e imbattibile. Ray Kroc, l'uomo d'affari responsabile dell'espansione di McDonald's in un megafranchising, ha parlato poeticamente di queste patatine fritte nel suo libro Macinandolo e ha affermato che la realizzazione delle patatine fritte di McDonald's era "sacrosanta" - in altre parole, il processo eccezionale e il risultato perfetto non dovrebbero essere toccati.

Tuttavia, un americano di nome Phil Sokolof ha speso circa 14 milioni di dollari in una campagna contro i cibi saturi, come le patatine fritte di McDonald's. Sopravvissuto a un attacco di cuore, ha fatto della missione della sua vita influenzare le principali aziende alimentari per rimuovere i grassi saturi dai cibi popolari. Ha pagato grandi cartelloni pubblicitari da Times Square a spot pubblicitari del Super Bowl, minacciando le aziende con annunci più posizionati in alto a meno che non rimuovessero rapidamente i grassi saturi dagli alimenti. Gli sforzi di Sokolof hanno raggiunto milioni e alla fine ha preso di mira McDonald's.

A causa della pressione pubblica, McDonald's alla fine ha rispettato nel 1990 e ha iniziato a friggere le sue patate per la prima volta in olio vegetale (un mix di colza, mais e soia). McDonald's (o il resto del mondo) non conosceva gli spiacevoli effetti collaterali che ne sarebbero derivati. Prima di tutto, il gusto e la consistenza ne hanno risentito. Malcolm Gladwell non è l'unico americano che ricorda di aver provato le nuove patatine e di aver subito provato delusione e (oserei aggiungere) dolore per il fatto che non avrebbe mai più potuto godersi le "World's Famous Fries". Il calore delle friggitrici mescolato all'olio sprigiona una nebbia che ricopre l'intero ristorante (ecco perché le sedie e i tavoli di McDonald's sono sempre appiccicosi), inoltre è noto che le tute indossate dai friggitori, se impilate l'una sull'altra, brucia spontaneamente! E non siamo nemmeno entrati nei problemi di salute: consiglio di ascoltare l'episodio completo per ulteriori informazioni sulle aldeidi.

Curioso di vedere come i millennial di oggi avrebbero risposto alle vecchie patatine rispetto a quelle nuove, Malcolm è andato a un Mattson Food Lab, dove ha fatto ricreare ad alcuni dei migliori scienziati americani del cibo entrambi i lotti di patatine per una degustazione alla cieca. I risultati sono stati unanimi. Tutti, compresi gli scienziati di Mattson, Malcolm e i millennial, adoravano le patatine al sego di manzo OG. McDonald's, per favore, riportami queste patatine sublimi!

Anche se non accadrà in questa vita, puoi provare a creare una versione simile a casa. Gli scienziati di Mattson hanno fritto fiammiferi di patate color ruggine sbucciate nel sego di manzo riscaldato a 350 ° a 360 ° F per circa tre minuti. Ne consegue il paradiso delle patatine fritte.


La verità è che nessun millennial ha provato le patatine fritte originali di McDonald's

Sapevi che McDonald's ha cambiato la sua ricetta originale di patatine fritte nel 1990? Malcolm Gladwell di Storia revisionista scopre la storia dietro le patatine fritte di McDonald's, cosa ha reso le patatine originali così deliziose e perché il conglomerato di hamburger è stato costretto a cambiare la sua amata ricetta. Dall'inizio della sua storia negli anni '40, McDonald's ha fritto i suoi pezzi di patate nel sego di manzo. Per anni, il grasso di frittura era conosciuto come "Formula 47", ed è ciò che ha dato alle patatine di McDonald's il caratteristico esterno croccante, l'interno soffice e il sapore ricco e imbattibile. Ray Kroc, l'uomo d'affari responsabile dell'espansione di McDonald's in un megafranchising, ha parlato poeticamente di queste patatine fritte nel suo libro Macinandolo e ha affermato che la realizzazione delle patatine fritte di McDonald's era "sacrosanta" - in altre parole, il processo eccezionale e il risultato perfetto non dovrebbero essere toccati.

Tuttavia, un americano di nome Phil Sokolof ha speso circa 14 milioni di dollari in una campagna contro i cibi saturi, come le patatine fritte di McDonald's. Sopravvissuto a un attacco di cuore, ha fatto della missione della sua vita influenzare le principali aziende alimentari per rimuovere i grassi saturi dai cibi popolari. Ha pagato grandi cartelloni pubblicitari da Times Square a spot pubblicitari del Super Bowl, minacciando le aziende con annunci più posizionati in alto a meno che non rimuovessero rapidamente i grassi saturi dagli alimenti. Gli sforzi di Sokolof hanno raggiunto milioni e alla fine ha preso di mira McDonald's.

A causa della pressione pubblica, McDonald's alla fine ha rispettato nel 1990 e ha iniziato a friggere le sue patate per la prima volta in olio vegetale (un mix di colza, mais e soia). McDonald's (o il resto del mondo) non conosceva gli spiacevoli effetti collaterali che ne sarebbero derivati. Prima di tutto, il gusto e la consistenza ne hanno risentito. Malcolm Gladwell non è l'unico americano che ricorda di aver provato le nuove patatine e di aver subito provato delusione e (oso aggiungere) dolore per il fatto che non avrebbe mai più potuto godersi le "Famose patatine fritte del mondo". Il calore delle friggitrici mescolato all'olio sprigiona una nebbia che ricopre l'intero ristorante (ecco perché le sedie e i tavoli di McDonald's sono sempre appiccicosi), inoltre è noto che le tute indossate dai friggitori, se impilate l'una sull'altra, brucia spontaneamente! E non siamo nemmeno entrati nei problemi di salute: consiglio di ascoltare l'episodio completo per ulteriori informazioni sulle aldeidi.

Curioso di vedere come i millennial di oggi avrebbero risposto alle vecchie patatine rispetto a quelle nuove, Malcolm è andato a un Mattson Food Lab, dove ha fatto ricreare ad alcuni dei migliori scienziati americani del cibo entrambi i lotti di patatine per una degustazione alla cieca. I risultati sono stati unanimi. Tutti, compresi gli scienziati di Mattson, Malcolm e i millennial, adoravano le patatine al sego di manzo OG. McDonald's, per favore, riportami queste patatine sublimi!

Anche se non accadrà in questa vita, puoi provare a creare una versione simile a casa. Gli scienziati di Mattson hanno fritto fiammiferi di patate color ruggine sbucciate nel sego di manzo riscaldato a 350 ° a 360 ° F per circa tre minuti. Ne consegue il paradiso delle patatine fritte.


La verità è che nessun millennial ha provato le patatine fritte originali di McDonald's

Sapevi che McDonald's ha cambiato la sua ricetta originale di patatine fritte nel 1990? Malcolm Gladwell di Storia revisionista scopre la storia dietro le patatine fritte di McDonald's, cosa ha reso le patatine originali così deliziose e perché il conglomerato di hamburger è stato costretto a cambiare la sua amata ricetta. Dall'inizio della sua storia negli anni '40, McDonald's ha fritto i suoi pezzi di patate nel sego di manzo. Per anni, il grasso di frittura era conosciuto come "Formula 47", ed è ciò che ha dato alle patatine di McDonald's il caratteristico esterno croccante, l'interno soffice e il sapore ricco e imbattibile. Ray Kroc, l'uomo d'affari responsabile dell'espansione di McDonald's in un megafranchising, ha parlato poeticamente di queste patatine fritte nel suo libro Macinandolo e ha affermato che la realizzazione delle patatine fritte di McDonald's era "sacrosanta" - in altre parole, il processo eccezionale e il risultato perfetto non dovrebbero essere toccati.

Tuttavia, un americano di nome Phil Sokolof ha speso circa 14 milioni di dollari in una campagna contro i cibi saturi, come le patatine fritte di McDonald's. Sopravvissuto a un attacco di cuore, ha fatto della missione della sua vita influenzare le principali aziende alimentari per rimuovere i grassi saturi dai cibi popolari. Ha pagato grandi cartelloni pubblicitari da Times Square a spot pubblicitari del Super Bowl, minacciando le aziende con annunci più posizionati in alto a meno che non rimuovessero rapidamente i grassi saturi dagli alimenti. Gli sforzi di Sokolof hanno raggiunto milioni e alla fine ha preso di mira McDonald's.

A causa della pressione pubblica, McDonald's alla fine ha rispettato nel 1990 e ha iniziato a friggere le sue patate per la prima volta in olio vegetale (un mix di colza, mais e soia). McDonald's (o il resto del mondo) non conosceva gli spiacevoli effetti collaterali che ne sarebbero derivati. Prima di tutto, il gusto e la consistenza ne hanno risentito. Malcolm Gladwell non è l'unico americano che ricorda di aver provato le nuove patatine e di aver subito provato delusione e (oserei aggiungere) dolore per il fatto che non avrebbe mai più potuto godersi le "World's Famous Fries". Il calore delle friggitrici mescolato all'olio sprigiona una nebbia che ricopre l'intero ristorante (ecco perché le sedie e i tavoli di McDonald's sono sempre appiccicosi), inoltre le tute indossate dai friggitori, se impilate l'una sull'altra, sono note per brucia spontaneamente! E non siamo nemmeno entrati nei problemi di salute: consiglio di ascoltare l'episodio completo per ulteriori informazioni sulle aldeidi.

Curioso di vedere come i millennial di oggi avrebbero risposto alle vecchie patatine rispetto a quelle nuove, Malcolm è andato a un Mattson Food Lab, dove ha fatto ricreare ad alcuni dei migliori scienziati americani del cibo entrambi i lotti di patatine per una degustazione alla cieca. I risultati sono stati unanimi. Tutti, compresi gli scienziati di Mattson, Malcolm e i millennial, adoravano le patatine al sego di manzo OG. McDonald's, per favore, riportami queste patatine sublimi!

Anche se non accadrà in questa vita, puoi provare a creare una versione simile a casa. Gli scienziati di Mattson hanno fritto fiammiferi di patate color ruggine sbucciate in sego di manzo riscaldato a 350 ° a 360 ° F per circa tre minuti. Ne consegue il paradiso delle patatine fritte.


La verità è che nessun millennial ha provato le patatine fritte originali di McDonald's

Sapevi che McDonald's ha cambiato la sua ricetta originale di patatine fritte nel 1990? Malcolm Gladwell di Storia revisionista scopre la storia dietro le patatine fritte di McDonald's, cosa ha reso le patatine originali così deliziose e perché il conglomerato di hamburger è stato costretto a cambiare la sua amata ricetta. Dall'inizio della sua storia negli anni '40, McDonald's ha fritto i suoi pezzi di patate nel sego di manzo. Per anni, il grasso di frittura era conosciuto come "Formula 47", ed è ciò che ha dato alle patatine di McDonald's il caratteristico esterno croccante, l'interno soffice e il sapore ricco e imbattibile. Ray Kroc, l'uomo d'affari responsabile dell'espansione di McDonald's in un megafranchising, ha parlato poeticamente di queste patatine fritte nel suo libro Macinandolo e ha affermato che la realizzazione delle patatine fritte di McDonald's era "sacrosanta" - in altre parole, il processo eccezionale e il risultato perfetto non dovrebbero essere toccati.

Tuttavia, un americano di nome Phil Sokolof ha speso circa 14 milioni di dollari in una campagna contro i cibi saturi, come le patatine fritte di McDonald's. Sopravvissuto a un attacco di cuore, ha fatto della missione della sua vita influenzare le principali aziende alimentari per rimuovere i grassi saturi dai cibi popolari. Ha pagato grandi cartelloni pubblicitari a Times Square per gli spot pubblicitari del Super Bowl, minacciando le aziende con annunci più posizionati in alto a meno che non rimuovessero rapidamente i grassi saturi dagli alimenti. Gli sforzi di Sokolof hanno raggiunto milioni e alla fine ha preso di mira McDonald's.

A causa della pressione pubblica, McDonald's alla fine ha rispettato nel 1990 e ha iniziato a friggere le sue patate per la prima volta in olio vegetale (un mix di colza, mais e soia). McDonald's (o il resto del mondo) non conosceva gli spiacevoli effetti collaterali che ne sarebbero derivati. Prima di tutto, il gusto e la consistenza ne hanno risentito. Malcolm Gladwell non è l'unico americano che ricorda di aver provato le nuove patatine e di aver subito provato delusione e (oso aggiungere) dolore per il fatto che non avrebbe mai più potuto godersi le "Famose patatine fritte del mondo". Il calore delle friggitrici mescolato all'olio sprigiona una nebbia che ricopre l'intero ristorante (ecco perché le sedie e i tavoli di McDonald's sono sempre appiccicosi), inoltre le tute indossate dai friggitori, se impilate l'una sull'altra, sono note per brucia spontaneamente! E non siamo nemmeno entrati nei problemi di salute: consiglio di ascoltare l'episodio completo per ulteriori informazioni sulle aldeidi.

Curioso di vedere come i millennial di oggi avrebbero risposto alle vecchie patatine rispetto a quelle nuove, Malcolm è andato a un Mattson Food Lab, dove ha fatto ricreare ad alcuni dei migliori scienziati americani del cibo entrambi i lotti di patatine per una degustazione alla cieca. I risultati sono stati unanimi. Tutti, compresi gli scienziati di Mattson, Malcolm e i millennial, adoravano le patatine al sego di manzo OG. McDonald's, per favore, riportami queste patatine sublimi!

Anche se non succederà in questa vita, puoi provare a creare una versione simile a casa. Gli scienziati di Mattson hanno fritto fiammiferi di patate color ruggine sbucciate in sego di manzo riscaldato a 350 ° a 360 ° F per circa tre minuti. Ne consegue il paradiso delle patatine fritte.


La verità è che nessun millennial ha provato le patatine fritte originali di McDonald's

Sapevi che McDonald's ha cambiato la sua ricetta originale di patatine fritte nel 1990? Malcolm Gladwell di Storia revisionista scopre la storia dietro le patatine fritte di McDonald's, cosa ha reso le patatine originali così deliziose e perché il conglomerato di hamburger è stato costretto a cambiare la sua amata ricetta. Since the start of its history in the '40s, McDonald's fried its potato pieces in beef tallow. For years, the fry fat was known as "Formula 47," and it's what gave McDonald's fries its signature crispy exterior, fluffy interior, and rich, unbeatable flavor. Ray Kroc, the businessman responsible for expanding McDonald's into a megafranchise, waxed poetically about these french fries in his book Grinding It Out and claimed the making of McDonald's french fries was "sacrosanct" — in other words, the exceptional process and perfect result shouldn't be touched.

However, one American by the name of Phil Sokolof spent roughly $14 million campaigning against saturated foods, like McDonald's french fries. Having survived a heart attack, he made it his life's mission to influence major food companies to remove saturated fats from popular foods. He paid for big billboards in Times Square to Super Bowl ad spots, threatening companies with more highly positioned ads unless they swiftly removed saturated fats from the foods. Sokolof's efforts reached millions, and he eventually targeted McDonald's.

Due to the public pressure, McDonald's eventually complied in 1990 and began frying its potatoes for the first time ever in vegetable oil (a mix of canola, corn, and soybean). Little did McDonald's (or the rest of the world) know the unpleasant side effects that would incur. First of all, the taste and texture suffered. Malcolm Gladwell isn't the only American who recalls trying the new fries and immediately feeling disappointment and (dare I add) grief that he would never be able to enjoy the "World's Famous Fries" ever again. The heat of the fryers mixed with the oil spews a mist that coats the entire restaurant (so that's why McDonald's chairs and tables are always sticky), plus the overalls worn by fry workers, if stacked on top of one another, have been known to spontaneously combust! And we haven't even gone into the health concerns — I recommend listening to the full episode for more information on aldehydes.

Curious to see how today's millennials would respond to the old fries compared to the new ones, Malcolm went to a Mattson Food Lab, where he had some of America's top food scientists re-create both batches of fries for blind tasting. The results were unanimous. Everyone, including the Mattson scientists, Malcolm, and the millennials loved the OG beef tallow fries. McDonald's, please bring these sublime fries back!

Even if it's not going to happen in this lifetime, you can try making a similar version at home. Mattson scientists fried peeled russet potato matchsticks in beef tallow heated to 350° to 360°F for roughly three minutes. French fry heaven ensues.


Guarda il video: Tumis Kentang dan Daging Sapi. Stir fry Potatoes and Beef